Partners

Normablok Più Taglio Termico Muratura portante Poroton scelta sicura Muratura armata Poroton
Menu
consorzio POROTON® Italia
Via Franchetti, 4 - 37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it
Skip Navigation Linkshome / prestazioni e soluzioni / isolamento termico

Isolamento termico di parete

Stampa

L'isolamento termico di una parete non deve essere valutato solo ed esclusivamente in base alla trasmittanza. Occorre tenere conto infatti anche di altre caratteristiche: inerzia termica, capacità di accumulo, durabilità, ecc..

Questi concetti sono riscontrabili anche nelle più recenti normative sul rendimento energetico in edilizia (D.Lgs. 192/2005 e D.Lgs. 311/2006), dove il parametro di riferimento da considerare è l'indice di prestazione energetica, che dipende dalle caratteristiche progettuali complessive dell'edificio, e che può essere verificato anche senza imposizione di limiti di trasmittanza termica predefiniti delle pareti opache.

isolamento termico

L'isolamento termico del termolaterizio POROTON®

Il termolaterizio POROTON® è stato studiato in ogni particolare, dall'alleggerimento dell'impasto al disegno delle forature, per conferire alla muratura requisiti ottimali di isolamento termico.

La parete in POROTON® abbina ad una buona resistenza termica ottime doti di inerzia termica (smorzamento e sfasamento) e di salubrità ambientale, fattori ottenibili solo con pareti dotate di una massa adeguata.

La resistenza termica della parete POROTON®, in condizioni di esercizio, come dimostrato da numerose prove di laboratorio, corrisponde a quella di progetto e si mantiene costante nel tempo: un vantaggio ed una garanzia per il progettista.

Un vantaggio ed una garanzia che influisce sui consumi energetici e migliora il benessere abitativo permettendo nello stesso tempo di ridurre i costi di costruzione.

L'isolamento termico ideale funziona anche in estate

In maniera molto riduttiva, i componenti dell'involucro edilizio sono spesso descritti da un singolo parametro, la trasmittanza termica, intesa come capacità di trasmettere istantaneamente il calore da un lato all'altro di una chiusura che separa ambienti a temperatura diversa.

Il rilievo attribuito a questa grandezza è proporzionale all'esigenza di contenere le dispersioni termiche invernali: bassa trasmittanza termica significa, infatti, minore consumo energetico per riscaldamento.

Assumere la trasmittanza come unico indicatore consente di eseguire analisi energetiche semplificate, cioè in regime stazionario, per le quali sono sufficienti dati climatici molto aggregati, su base mensile o addirittura stagionale.

Da questo approccio semplificato scaturisce la cieca tendenza ad isolare sempre più: ma un isolamento termico estremo può avere effetti incerti nel periodo estivo.

Nei climi caldi esso deve essere necessariamente affiancato da adeguati sistemi per controllare e gestire i guadagni gratuiti, altrimenti si determina un sensibile deterioramento delle condizioni di benessere e sorge la necessità di raffrescare artificialmente.

L'isolamento termico, che trattiene il calore in inverno, durante l'estate svolge la medesima funzione, determinando il potenziale surriscaldamento degli ambienti.

La soluzione ottimale consiste nel progettare una casa che interagisca con l'ambiente circostante, considerando anche le proprietà dinamiche dell'involucro edilizio.

Le chiusure opache dotate di una massa consistente accumulano e rilasciano il calore in maniera complessa, non solo smorzando i picchi di temperatura dell'esterno, ma differendoli nel tempo: si tratta della cosiddetta "inerzia termica", che genera ripercussioni molto rilevanti sulle prestazioni energetiche complessive, tanto in estate quanto in inverno.

L'adozione di strategie di raffrescamento passivo basate su tali fenomeni richiede di condurre un'analisi in regime dinamico, ponendosi cioè in una scala temporale molto ristretta, dell'ordine delle ore; questo permette di considerare con il giusto peso fattori come l'escursione termica giorno-notte e la variazione dell'irraggiamento solare nel corso della giornata.

Autorevoli ricerche hanno dimostrato che l'uso avveduto della massa termica ha un notevole effetto positivo sulle condizioni di benessere, sui consumi energetici anche invernali e sui carichi per il raffrescamento.

Se ben progettata, la massa funziona come volano termico, sia d'inverno che d'estate, quando preserva la temperatura media radiante e procura una vera sensazione di freschezza, diversa per qualità da quella che produce il solo raffreddamento dell'aria.

È in base a questi semplici principi che le murature in POROTON® possono offrire un contributo importante per un reale e misurabile risparmio energetico.

Consorzio POROTON® Italia - © Copyright 2016 - Credits - Pubblicità - Informativa Privacy