Premio POROTON® 2022 – I Vincitori

Video della Cerimonia di Premiazione del PREMIO POROTON® 2022: Partecipanti Ammessi, Finalisti, Menzioni e Vincitori.

Il Premio e la Giuria

Consorzio POROTON® Italia e tutte le sue aziende ringraziano calorosamente tutti i progettisti che con la loro partecipazione hanno animato la 2° edizione del Concorso PREMIO POROTON® 2022, celebrativa inoltre del 50° anniversario del Consorzio POROTON® Italia, impegnato costantemente dal 1972 a sviluppare studi/ricerche e approfondire tutti gli aspetti tecnici nell’ambito delle murature in laterizio, attività concretizzate in un know-how tecnico a disposizione di professionisti ed utilizzatori del termolaterizio POROTON®.

La grande partecipazione e la qualità dei progetti presentati hanno condotto la Giuria a svolgere un preliminare lavoro di selezione di una rosa di 20 Finalisti, tra i quali la Giuria ha poi individuato i 3 Vincitori ed ha ritenuto di assegnare inoltre 2 Menzioni speciali.

La Giuria, composta da Arch. Paolo Orsini, Ing. M.Arch.AA ARB Luca Peralta e dal Presidente del Consorzio POROTON® Italia Stefano Midolini, ha conferito i premi ai Vincitori ed i riconoscimenti alle Menzioni durante la Cerimonia di Premiazione svoltasi lo scorso 11 ottobre 2022, consegnando inoltre l’opera d’arte “GEOMETRICHE VISIONI”, che rappresenta l’unione della aziende nel Consorzio POROTON® Italia nel cinquantenario ed esprime al contempo, con la sua forma poliedrica, la libertà creativa del laterizio POROTON® nella molteplicità dei progetti in cui trova applicazione.

Montepremi Termine candidature Premiazione
€ 8.000,00 01/05/2022 11/10/2022

1° Premio ex aequo: Casa della Musica – Pieve di Cento (BO)

Progettisti Mario Cucinella Architects
Archh. Mario Cucinella, Marco Dell’Agli (coord.), Federico La Piccirella, Clelia Zappalà, Arianna Balboni, Mirco Bianchini, Francesco Galli, Valentino Gareri
Prog. strutture Studio Sarti
Prog. meccanica Ing. Riccardo Giannoni
Prog. elettrica Studio tecnico P.S
Cons. acustica Ing. Gabriele Raffellini
Computo Geom. Roberto Guidi
Impresa Montanari S.p.A., Uragani S.r.l., Falegn. Lorenzo Chiesa, Meccanica Faro S.r.l.
Tipologia muratura Muratura armata in blocchi POROTON® P800 MA

Il giudizio della Giuria: É un edificio iconico e scultoreo, il risultato di una composizione e giustapposizione di cilindri, più precisamente 9 laboratori musicali ed un blocco servizi, che ricordano formalmente degli strumenti musicali. Allo spazio “concavo”, più intimo e definito all’interno delle sale, si contrappone lo spazio “convesso”, tra i cilindri: uno spazio di collegamento e di aggregazione, una “piazza” interna che distribuisce in modo fluido i vari ambienti senza fare ricorso a corridoi.

Se da un lato il progetto appare architettonicamente innovativo ed inusuale, dall’altro risulta allo stesso tempo accogliente e familiare, forse per rimandi a forme semplici di alcune architetture note del passato (ad esempio ai villaggi nuragici) o forse anche per rimandi astratti a forme che appartengono al mondo vegetale o al mondo della biologia.

In questo specifico contesto l’esemplare utilizzo della muratura armata POROTON® si è rivelato vincente sia per poter generare in modo flessibile forme curve ma, anche per poter garantire importanti prestazioni soprattutto sotto il profilo della sicurezza sismica, dell’inerzia termica e dell’isolamento acustico, per le importanti masse messe in gioco.

1° Premio ex aequo: Casa della Musica – Mario Cucinella Architects (foto opera finita © Moreno Maggi, foto cantiere © Bruno Sanghita).

1° Premio ex aequo: Laboratori e Centro Socio Educativo per persone diversamente abili – Erba (CO)

Progettisti ifdesign
Arch. Franco Tagliabue Volontè, Arch. Ida Origgi, Arch. Mattia Cipriani (collab.), Arch. Fabrizio Rossetti (sicurezza)
Prog. strutture Ing. Marco Torchiana
Impresa Impresa Edile Stampini S.r.l.
Tipologia muratura Tamponatura in blocchi POROTON® P800 INCASTRO con rifodera esterna in Tramezze POROTON®,
Muratura armata in blocchi POROTON® P800 MA con rifodera esterna in Tramezze POROTON®

Il giudizio della Giuria: Fra i capannoni della periferia industriale di Erba, dove si succedono quasi senza interruzione fabbriche, palestre e discoteche, il laboratorio e centro socio educativo propone una interessante rottura del modello insediativo, ricavando, nell’inviluppo di un capannone virtuale, uno spazio a misura d’uomo. È uno spazio lavorativo sensibile e scattante che si incunea nel lotto rivendicando con forza la presenza delle persone, con tutta la ricchezza delle loro specialità, nella terra dei piazzali di asfalto.

A prima vista, materiali e forme del progetto rispettano il contesto, ma il gioco creativo smonta il modello di partenza e lo ricompone in una forma espressiva sorprendente e radicale.

Ai materiali da costruzione è chiesto di ricondurre l’architettura alla nudità dell’elemento costruttivo. Sulle facciate esterne del laboratorio le curate tessiture del POROTON® smaltato di nero sono poste a contrasto con la trasparenza colorata della vetroresina; mentre negli interni l’utilizzo grezzo del laterizio a vista (per il solaio e per le murature POROTON®) propone una ricercata ed essenziale natura domestica del centro socio educativo.

1° Premio ex aequo: Laboratori e Centro Socio Educativo per persone diversamente abili – ifdesign (foto opera finita © Andrea Martiradonna).

3° Premio: Casa Bona – Gambara (BS)

Progettisti ZDA | Zupelli Design Architettura
Arch. Junior Ezio Zupelli, Arch. Carlo Zupelli, (collab.): Archh. Marco Bettera, Giorgia Bianchi, Francesca Dellabona, Matteo Sturla, Ottavia Zuccotti
Impresa Edil Framal dei f.lli Aldo e Mauro Toglietti S.n.c.
Tipologia muratura Tamponatura in blocchi POROTON® P700 con rifodera interna in Tramezze POROTON®

Il giudizio della Giuria: La ristrutturazione dell’antico cascinale a Gambara propone un raffinato intervento di recupero ad usi residenziali di una corte rurale. La semplicità del complesso edilizio esistente viene valorizzata e rispettata dal progetto, che si inserisce con eleganza nelle strutture in laterizio del porticato agricolo, lavorando entro la sagoma del volume preesistente.

Gli alti pilastri del prospetto interno scandiscono le 4 campate dell’edificio principale, che vengono tamponate e ricondotte alla funzione residenziale grazie anche all’interposizione di un solaio mediano e ad una sapiente distribuzione degli ambienti interni. L’utilizzo accorto dei diversi elementi costruttivi denota una particolare cura nella realizzazione dell’intervento, che affida il disegno degli spazi alla schiettezza delle murature in laterizio POROTON® e del solaio in legno, mantenendo così quel carattere di efficienza essenziale dei cascinali storici. Il preciso disegno degli elementi di finitura e della scala metallica impreziosisce ulteriormente la casa.

3° Premio: Casa Bona – Zupelli Design Architettura (foto opera finita © Matteo Sturla).

Menzione: Ville a Montefiascone – Montefiascone (VT)

Progettisti Studio GAMP!
Arch. Valentino Anselmi, Arch. Valerio Palmieri, Arch. Roberta Nocco (collab.)
Prog. strutture Fabio Giraldo Ingegneria
Paesaggista Luca Dionisi
Impresa Franchi 2004 S.r.l.
Tipologia muratura Tamponatura in blocchi ECOPOR® SSC

Il giudizio della Giuria: Volumi semplici che rimandano agli archetipi dell’abitare e sembrano galleggiare su un paesaggio morbido e dolce. Forme semplici, riconoscibili, familiari ma con eleganti piccole alterazioni, deformazioni, compenetrazioni, estrusioni, addizioni/sottrazioni di volumi che le rendono speciali ed inconsuete allo stesso tempo, comunque sempre fuori dal “deja vu”. In modo simile i materiali utilizzati, pur appartenendo al vocabolario della tradizione e del luogo, vengono impiegati come uno strumento per esaltare il linguaggio volutamente contemporaneo delle architetture, al quale non si vuole mai rinunciare. Un esempio palese è sicuramente il rivestimento in mattonelle di cotto delle pareti che continua nel tetto a falde della copertura per esaltare la continuità e unitarietà del volume, reso possibile anche grazie ad un dettaglio a scomparsa e attentamente studiato per la raccolta delle acque meteoriche.

Il sistema costruttivo, che prevede l’utilizzo estensivo di un involucro monostrato in laterizio ad alte prestazioni termiche, ancora una volta dimostra le potenzialità e flessibilità dei blocchi POROTON® nel rendere possibili progetti sperimentali e performanti senza rinunciare ad un linguaggio contemporaneo.

Menzione: Ville a Montefiascone – Studio GAMP! (foto opera finita © Lorenzo Zandri).

Menzione: Casa unifamiliare MA – Faenza (RA)

Progettisti Studio Montini Architettura
Arch. Nicola Montini, Arch. Luca Agresti (collab.), Arch. Lucia Ghetti (collab.)
Prog. strutture Marco Peroni Ingegneria
Prog. termo-idraulica Studio Tecnico Ing. M. Grohmann
Prog. elettrica E.S.I. Project
Impresa B.F.B. di Fragorzi Mario e C. S.n.c.
Tipologia muratura Tamponatura in blocchi POROTON® P700 TS

Il giudizio della Giuria: Un parallelepipedo bianco che poggia su un basamento in mattoni; questa è, in estrema sintesi, la casa unifamiliare della periferia di Faenza, dove la ricercata schematicità dell’idea di progetto risponde ad un programma funzionale ed estetico lucido e consapevole: definire l’architettura della casa in un contesto industriale in trasformazione; rispondere alla confusione delle forme dell’edilizia delle villette con un programma chiaro, preciso, sintetico, che sappia porsi come progetto pilota, nella speranza di indicare la strada alle case che verranno. Alla chiara articolazione volumetrica corrisponde una razionale distribuzione degli spazi, mentre la declinazione degli elementi architettonici offre l’occasione per distinguere ambiti pubblici e privati, spazi aperti e spazi più protetti. Una raffinata gestione dei materiali di finitura, assecondata dall’adozione di una muratura POROTON® ad alte prestazioni termiche, enfatizza le scelte di progetto, grazie al pieno controllo dei particolari costruttivi.

Menzione: Casa unifamiliare MA – Studio Montini Architettura.

L’opera d’arte consegnata ai Vincitori e Menzioni: GEOMETRICHE VISIONI

Opera costituita da 5 moduli realizzata a partire da blocchi in laterizio uguali per dimensioni variamente lavorati e decorati a ingobbio e foglia oro.

Pezzi simili ma sempre diversi per lavorazione, dove la presenza dell’oro ricorda i 50 anni di unione del Consorzio POROTON® Italia. Unione evidenziata dalla scritta ripartita e suddivisa sui blocchi che una volta assemblati costituiscono il tutto. A ciascuno dei 5 progettisti premiati è consegnato un modulo dell’opera che nella sua forma poliedrica vuole esprimere in primis la libertà creativa che questo materiale consente, nella molteplicità dei progetti in cui trova applicazione.
Francesca Baldrighi.

Instagram