Struttura

Connessione Poroton® e muratura in pietrame

In un intervento di miglioramento sismico di un fabbricato mi trovo ad avere una parte costituita per circa 2/3 delle lunghezza da pietrame disordinato misto a ciottoli e per la restante parte in Poroton®. Come posso creare una connessione efficace tra i due materiali? Attualmente infatti le due parti sono completamente scollegate. Potrei ammorsare le due pareti tramite cuciture armate? Sarebbe un intervento efficace?

Cordolo in c.a. su muratura portante

Dovrei ristrutturare completamente un tetto in legno di castagno a doppia capriata.
Lo stabile (una vecchia vaccheria) risale al primo ventennio del ‘900, è di metri 22×8 h. 4 metri.
Presenta al suo interno 4 capriate originali in ferro, lo spessore della muratura portante è di 60 cm ed il muro è composto da muratura a sacco con scaglioni di tufo e doppi ricorsi di mattoni ogni metro.
Ho chiesto un preventivo ad un’impresa edile la quale mi ha detto che prima di tutto si dovrebbe fare un cordolo di cemento armato sopra la muratura con delle scarpette che inglobino completamente le quattro capriate per unire il tutto e convogliare il peso su tutta l’area.
Le mie domande sono:
– il cordolo di c.a. deve essere obbligatorio?
– vi è una normativa o una legge sull’edilizia che determina questo?
– strutturalmente è più sicura?
Anche perché la realizzazione del cordolo non graverebbe sulla muratura sottostante?
Si potrebbe mantenere lo stesso stile costruttivo di quando fu edificato l’immobile?

Cordolo in c.a. su Poroton®

Nell’intervento di realizzazione di una copertura a padiglione su un edificio in muratura esistente (zona sismica 3), ho necessità di ripristinare i timpani che reggono la trave di colmo.
Vorrei realizzare sopra a questi timpani (spessi 36 cm) alcuni corsi di Poroton® P800 spessore 30 cm fino a raggiungere la quota di imposta della trave. Sopra a questi timpani sarà realizzato
un cordolo in c.a. che si raccorderà al cordolo dei muri perimetrali. Vorrei chiedervi un paio di questioni:
1) Ritenete consigliabile ancorare blocchi Poroton® alla muratura sottostante mediante barre verticali? Nel caso, quante barre e di che diametro?
2) Ritenete consigliabile di collegare il cordolo in c.a. al Poroton® sottostante? Eventualmente, in che modo?

Blocchi Poroton® per muratura portante sp. 25 cm

Devo realizzare una sopraelevazione in muratura, in zona sismica 3, con spessore dei muri portanti 25 cm (comunque inferiore a 30 cm). Purtroppo non sono riuscito a trovare nella produzione Poroton® un blocco per muratura ordinaria (non armata) che sia di spessore 25 cm e compatibile con le prescrizioni del par. 7.8.1.2 delle NTC 2008 (setti continui paralleli al piano del muro).
Mi chiedo quindi se esista un blocco di siffatte caratteristiche o se, in alternativa, sia possibile usare i blocchi per muratura armata senza disporre armatura.

Poroton® per muri portanti controterra?

Vorrei sapere se si possono usare blocchi Poroton® per costruire muri perimetrali portanti controterra, ambienti seminterrati per circa metri 1,50. La struttura totale è composta di piano seminterrato, piano terra rialzato più mansarda, su platea di fondazione, zona sismica 2, ovviamente impermeabilizzando il tutto adeguatamente.

Garage

Dobbiamo demolire un garage e un ripostiglio e costruirli nuovamente. Si torva in zona climatica D e sismica 3S. Che tipo di Poroton® ci consigliate e soprattutto che spessore? Il geometra ci ha proposto 25 cm di spessore.

Struttura antisismica e spessore Poroton®

Vorrei delle indicazioni e suggerimenti su un progetto, ancora in fase di approvazione, da parte del Genio civile, di una villetta a due piani in zona climatica E e sismica 2B. Il progetto prevede una struttura in c.a. e tamponamento in laterizio “tipo” Poroton® di 30 cm con rivestimento in pietra locale. Sono un po’ perplesso avendo letto parecchie cose su Internet, sia circa lo spessore del laterizio che del rivestimento in pietra del quale farei tranquillamente a meno, sia per l’isolamento termico a cui tengo molto. E, infine, perché non prevedere una struttura portante in Poroton®? L’architetto al quale mi sono affidato totalmente dal primo momento mi ha detto che una tale struttura è d’obbligo per la zona sismica e confortevolissima dal punto di vista termico.

Verifica fondazioni edifici semplici in muratura

Gent.mo sig. Marco,

ho letto la precedente discussione sul calcolo di fondazioni superficiali per edifici semplici e vorrei chiederle cortesemente se potesse inviare anche a me materiale chiarificatore a riguardo.
Ho progettato e verificato una struttura in muratura seguendo le indicazioni dettate dalla normativa in merito agli edifici semplici, ma ora sono ad un punto morto riguardo al calcolo della fondazione superficiale.

Sopraelevazione in Poroton® su c.a.

Devo realizzare una sopraelevazione di un edificio esistente in c.a. di 2 piani. L’edificio è del 2003, è stato calcolato in previsione di una sopraelevazione e risulta adeguato alle NTC 2008. Devo sopraelevare di un piano e mi orienterei verso una muratura portante in Poroton® con copertura in legno. La zona sismica è la 3. È consentito l’utilizzo di muratura portante? Che prescrizioni devo adottare per il collegamento tra il c.a. esistente e le nuove strutture in muratura?

Sopraelevazione in Poroton® su muratura in mattoni pieni

Devo realizzare una sopraelevazione con blocchi Poroton® 30x25x19 con cappotto esterno su una muratura in mattoni pieni 5,5x12x25 dopo la demolizione dell’intonaco interno ed esterno. Quali sono le dimensioni migliori per il cordolo? E dove è preferibile far sporgere la muratura? All’interno o all’esterno?